IMG_1193Come vi anticipavo nello scorso post, è stato un mese un po’ complicato. Oltre a tutti i piccoli problemi che insorgono quando arriva una nuova micia in casa (molto meno tranquilla dell’altro), si sono anche aggiunte una serie di complicazioni che mi hanno costretta a passare diverso tempo dai veterinari.

Dopo 3 giorni di permanenza a casa mia Luna si ì presa l’influenza. Ha iniziato a mangiare sempre meno ed è diventata prima mogia, poi totalmente spenta. Sono andata per una settimana intera, ogni giorno, a farle fare una puntura di antibiotico dai veterinari vicino a casa. Con lei per fortuna hanno immediatamente capito quale fosse il problema – in realtà una banale influenza, se non lo avessero capito sarebbe stato grave – e sono riusciti a farla guarire completamente.
Bistrot da quando è arrivato a casa mia 6 mesi fa ha la forfora, un problema che sul suo pelo scuro si vede tantissimo. Questi veterinari da cui ho portato anche lui per vaccini e sterilizzazione mi hanno sempre detto che non era niente di grave, che era solo pelle secca, che non c’era da preoccuparsi. Non so se sia per istinto o per diffidenza, ma a me questo problema non sembrava del tutto trascurabile, anche perché leggendo su internet erano in molti a sostenere che potesse essere il campanello d’allarme per qualcosa di più serio. Ora è vero che su internet è pieno di gente che scrive affermazioni senza avere esperienza e competenza, ma è anche vero che un minimo sospetto queste affermazioni te lo fanno venire. Sempre grazie alle Sfigatte ho trovato una clinica per animali con una dottoressa che definire eccellente è riduttivo. Appena lo ha visto mi ha subito detto che tutta quella forfora non era per niente normale e che le sembrava strano che mi avessero detto il contrario, ha immediatamente ipotizzato una diagnosi che gli esami hanno poi confermato – gli altri veterinari mi avevano detto che sarebbe stato inutile fare indagini specifiche perché tanto non sapendo quale fosse l’origine del problema sarebbe stato come cercare un ago in un pagliaio… (e le super analisi fatte da lei sono poi state un esame del sangue e un’ecografia della pancia).
In sostanza abbiamo scoperto che il mio peloso ha dei seri problemi intestinali che da una parte lo portano ad assimilare male le proteine – elemento fondamentale nella dieta di un gatto – e dall’altro gli hanno causato tutta una serie di problemini collaterali tra i quali c’è anche la forfora. Gli ho dovuto cambiare dieta, dare una serie di medicinali che lui per fortuna prende senza lamentarsi troppo e infine ho dovuto farlo tosare per risolvere un problema alla pelle. Ho scoperto che il mio micione color cioccolato ha in realtà un sottopelo argentato, è stranissimo vederlo con il pelo corto e chiaro!
IMG_1793Le cure che dovrà seguire sono abbastanza lunghe, ho anche provato a fargli il bagno perché dovrei lavarlo con uno shampoo medicato ma da sola è impossibile: ha tirato fuori un’aggressività che non gli avevo mai visto e sono tutta graffiata!
Il veterinario che lo aveva sterilizzato mi aveva detto che era un gatto scemo e obeso. Testuali parole. In realtà, soprattutto adesso che è senza pelo, si vede che non è per niente grasso, ha della trippetta sotto la pancia che è di nuovo causata dallo stesso problema intestinale ma non è per niente addormentato, anzi! È tranquillo e un po’ fifone, stando da solo era anche un po’ sedentario ma adesso corre e salta tutto il giorno. È curioso, attento e intelligente. Inizio a vedere dei miglioramenti nel suo stato generale di salute e sono davvero felice per questo.
Non so bene quanto ci vorrà perché la situazione si stabilizzi completamente, di sicuro non è un processo rapido e la veterinaria mi ha già detto che non guarirà del tutto: le sue intolleranze alimentari gli resteranno sempre ma di sicuro aver agito adesso che ha 8 mesi è stata la sua salvezza.
Mi fa pena perché lo sto un po’ tormentando ultimamente con visite, medicine, goccine, bagnetti e tosatura… lui ovviamente non riesce a capire perché gli stia facendo tutto questo e ha sempre il musetto triste! Spero solo che guarisca e che stia meglio in modo da poterlo lasciare un po’ più tranquillo.
Ho fatto bene a seguire il mio istinto e per quanto sia contenta di aver trovato una brava veterinaria che ha capito il problema, allo stesso tempo mi fanno arrabbiare gli altri che, per pigrizia o ignoranza, mi avevano detto di non preoccuparmi come se non avesse avuto niente. Hanno provato a risolvere il problema dandomi delle soluzioni cutanee, come se per una polmonite il medico ci desse delle caramelline alla vitamina C. Il suo problema, se non curato, sarebbe solo peggiorato e loro non se ne sono minimamente accorti. Sono comodi e per le stupidaggini di routine possono anche andare bene ma per tutto il resto loro i miei mici non li vedranno più!