IMG_1897Per celebrare il 70 anniversario della liberazione la città di Torino apre al pubblico, dopo i lavori di restauro, il rifugio antiaereo di Palazzo Civico in Piazza Palazzo di Città 1.Fu realizzato sotto il Palazzo di Città all’inizio della seconda guerra mondiale per proteggere i dipendenti dai possibili attacchi aerei. Si trova circa 10-11 metri sotto terra e la stanza del rifugio, protetta da spesse porte in ferro che servivano per riparare dai detriti, dalle polveri e dai moti d’aria dovuti alle esplosioni, è lunga 20 mt x 3 e alta 2,30 metri. Poteva contenere circa 50 persone ma si stima che durante gli attacchi se ne rifugiassero al suo interno molte di più, anche perché i dipendenti che lavoravano nel palazzo all’epoca erano circa 600.
All’interno si accedeva da tre diversi ingressi ed era dotato di servizi, acqua corrente, luce e canne di ventilazione che consentivano il ricambio dell’aria nell’ambiente.
IMG_1892
Ho avuto la possibilità di visitarlo questa mattina ed è stata un’esperienza emozionante. Tutto ciò che si lega al periodo della guerra mi ha sempre incuriosita e affascinata, è un pezzo di storia lontano ma allo stesso tempo molto vicino a noi, ci sono ancora testimoni che hanno vissuto quelle esperienze e che le possono raccontare, i miei nonni l’hanno fatto tante volte.

Questa sirena suonava per avvisare quando il pericolo era passato
Questa sirena suonava per avvisare quando il pericolo era passato

Si potrà visitare per ora oggi e domanidalle 10 alle 18, verranno successivamente ricollocate le panche ribaltabili che si trovavano all’interno del rifugio e che sono attualmente in restaurazione e verranno aggiunti dei contributi multimediali che consentiranno ai visitatori di avere in futuro maggiori informazioni sul luogo. Attualmente è un vero tuffo negli anni ’40 (neon a parte) perché gli interventi di restauro sono stati fatti solo per renderlo sicuro e visitabile, è ancora quasi tutto come era stato lasciato 70 anni fa.

IMG_1896 IMG_1890 IMG_1895