Bologna 248Sveglia alle 6 perché avevo trovato un’offerta pazzesca per andare a Bologna pagando solo 7,60 €, l’unico inconveniente era il treno alle 7.33 e io sono un animale notturno…ma vabbè, facciamo questo sforzo! Cavalcando l’onda del risparmio decido di raggiungere la stazione con la metro che è comodissima e super rapida, oltre a non costare nulla perché ho l’abbonamento. Alle 7.02 entro nel mio vagone pregustandomi la colazione veloce che avrei fatto al bar della stazione. Alle 7.07, a 3 fermate dall’arrivo, la metro si ferma “temporaneamente”, dopo 15 minuti ero ancora lì. Decido di prendere un taxi che arriva dopo 5 minuti dalla parte sbagliata della strada e dopo una corsa contro il tempo prima in auto e poi in stazione…arrivo al binario e non trovo più nessuno!

Il treno successivo, costato un po’ di più di quello in super offerta è arrivato a Bologna un’ora dopo rispetto a quello che ho perso.
Ho attraversato la piazza davanti alla stazione e ho raggiunto velocemente i portici di via Indipendenza alla ricerca di un po’ d’ombra. Faceva già caldissimo.
Ho percorso tutta la strada dando un’occhiata veloce ai negozi e cercando di raggiungere in fretta l’albergo perché avevo voglia di lasciare la valigia, perndere la reflex e iniziare l’esplorazione!
Bologna è una città che adoro, i suoi colori caldi ancor più accentuati d’estate, la sua cucina deliziosa e la sua architettura medievale la rendono una delle mie città preferite. È un posto in cui sto bene, in cui mi piace girare senza meta e perdermi perché dietro ad ogni angolo puoi trovare qualcosa di sorprendente.
Bologna 228
Prima di iniziare a girare tra le vie del Quadrilatero ho fatto una pausa piadina e poi mi sono immersa nei colori delle bancarelle, nei profumi dei prodotti esposti e in quella luce calda che ti avvolge, tra quelle viuzze potrei trascorrere ore intere e ci sono tornata spesso, al tramonto è un posto magico.
Bologna 188 Bologna 193 Bologna 195 Bologna 196 Bologna 200 Bologna 204
Un posto che non bisogna perdere è la chiesa di Santa Maria della Vita in cui, in una cappella vicino all’altare maggiore, si trova il Compianto su Cristo morto di Niccolò dell’Arca.
Bologna 201 Bologna 202 Bologna 203
Nel mio scorso viaggio a Bologna non ero salita sulla Torre degli Asinelli. Questa volta, nonostante il caldo, ho deciso di scalare i quasi 500 scalini, una fatica assolutamente ripagata dalla vista stupenda. <mi piace tantissimo guardare le città dall’alto!Bologna 070 Bologna 072
Bologna 082 Bologna 083 Bologna 093 Bologna 096 Bologna 110
Per cena ho scelto una trattoria che si trova dalle parti della finestrella sul canale in via Piella, era tutto troppo buono per perdere tempo a scattare le foto!
Bologna 151E prima di andare a dormire ho fatto una passeggiata in piazza.
Bologna 148
La prima tappa del sabato mattina è stata il complesso delle Sette Chiese di Santo Stefano, un luogo di pace e tranquillità in pieno centro città.
Bologna 156 Bologna 159 Bologna 173 Bologna 166 Bologna 164 Bologna 162 Bologna 160 Bologna 176
Da qui, dopo una sosta in un negozio divertentissimo che si trova a pochi passi dalla piazza – Gallina Smilza – sono tornata verso Piazza Maggiore e poi all’Archiginnasio dove ho trovato un’installazione di specchi e cerchietti fluo nel cortile interno.
Bologna 182 Bologna 180 Bologna 216 Bologna 219 Bologna 210
Una delle cose che adoro di Bologna sono i portici, forse perché mi ricordano un po’ Torino anche se qui tutto ha un sapore più caldo e accogliente.
Bologna 209
Tornando indietro mi sono messa con il naso in su a giardare le colonne e le arcate tagliate di netto della Basilica di San Petronio,
Bologna 233
poi sono passata a salutare il Nettuno e da lì, di nuovo, ho iniziato a girare senza meta…
Bologna 185
Bologna 136 Bologna 135 Bologna 143 Bologna 139

 

I miei indirizzi:
Hotel: Al Cappello Rosso – Via de’ Fusari, 9 I
Pranzo: Zerocinquantino – Via Pescherie vecchie 3/e
Cena: Trattoria La Montanara – Via Augusto Righi 15/a
Gallina Smilza – Via S. Stefano 14d