Senza-titolo-1Non sono un’esperta di cinema, ho dato un esame di cinema all’università ma questo non mi ha fatto progredire nel mio modo di valutare i film che vedo: quello che conta per me è sempre il ” mi piace” o “non mi piace” indipendentemente da tutto il linguaggio che lo compone e tutti i significati profondi che probabilmente non vedo.

The-Imitation-Game-poster_1Nelle ultime due settimane ho visto due film che mi sono piaciuti tantissimo e che sono totalmente diversi tra loro.
Il primo è uno straordinario film drammatico: The imitation game, scelto dopo aver sentito opinioni entusiastiche da parte di diversi amici… effettivamente se le merita. È la storia di un matematico geniale, Alan Turing, che insieme a un team di altri geni deve trovare il modo per decodificare i messaggi cifrati che i tedeschi si scambiano nel corso della la seconda guerra mondiale. È una storia vera che per moltissimi anni è stata tenuta nascosta ed è stata resa pubblica solo poco tempo fa. È un film sulla seconda guerra mondiale in cui non viene versata una goccia di sangue, in cui non si sente uno sparo eppure si percepisce perfettamente il clima e il pathos che ha caratterizzato quel momento storico. Sono rimasta con gli occhi incollati allo schermo per tutto il tempo, l’ho trovato davvero bellissimo, emozionante e coinvolgente. Accanto alla storia del matematico viene narrata quella dell’uomo: un genio che faticava a relazionarsi con le persone e che ha dovuto portarsi dentro un segreto enorme che gli ha, più di ogni alta cosa, segnato la vita.

Si-Accettano-Miracoli-Poster-Italia-01Il secondo è Si accettano miracoli, scelto perché mi ha colpito il trailer e perché avevo voglia di passare una serata spensierata. È tutto molto più semplice, leggero e forse scontato, ma sono uscita dalla sala con il sorriso sulle labbra… e questo sicuramente vale il prezzo del biglietto. È una commedia divertente, fresca, pulita. Il protagonista è Fulvio, un giovane uomo di successo che viene licenziato dall’azienda in cui lavorava e reagisce all’evento in maniera poco diplomatica diplomatica; questo lo porta a passare un brevissimo periodo in cella e poi a dover tornare nel suo paesino d’origine in cui viene affidato alla tutela del fratello, parroco di una parrocchia frequentata solo da anziani e tutore di un gruppo di bambini orfani. La chiesa del paese sta cadendo a pezzi e il piccolo orfanotrofio rischia di chiudere. Nello stesso paese vive anche Adele, sorella dei due uomini e sposata con un uomo un po’ particolare.
La critica ha aspramente criticato questa pellicola, io personalmente trovo che Alessandro Siani, protagonista e regista, sia davvero simpatico e le sue battute mi fanno morire dal ridere! Ve lo avevo già detto che sono trash! :)
È un film leggero che ci permette di passare un paio d’ore senza pensare a tutti problemi che ci sono fuori dalla sala. Per me è promosso a pieni voti anche questo!

Li avete visti? Vi sono piaciuti? Avete altri film da consigliarmi?

  • Clara Gionco

    Ho visto The imitation game e mi è piaciuto molto, la storia la conoscevo già ed è di un’ingiustizia raccapricciante… il secondo non l’ho visto ho diversi problemi con il Cinema Italiano. ciao Bella!