IMG_3743È stato un viaggio impegnativo quello che ho fatto in Toscana, un viaggio pieno, ricco, gustato minuto per minuto e vissuto intensamente.

Se la parola d’ordine in Sardegna è stata relax, qui sicuramente è stata azione. La base era una meravigliosa casa a pochi km da Siena, immersa nella campagna e allo stesso tempo vicino alla città e comoda per girare, scoprire e non avere orari. L’ho prenotata su Air b&b, è stata la mia prima esperienza con questo portale e come inizio è stato fantastico.
La Toscana è una delle mie regioni preferite: mi dà pace, mi affascina perché è piena di storia e di paesini medievali che sono la mia passione, ha dei paesaggi mozzafiato che sanno trasmettere serenità. E poi adoro la cucina, la parlantina dei toscani che a volte non capisco ma è musica per le mie orecchie, amo quelle case di mattoni gialli che sanno di terra e si immergono nel paesaggio creando un’armonia perfetta. È uno di quei posti in cui forse potrei andare a vivere quando sarò stufa della città e della mia vita frenetica.

IMG_0023Sono stata lì poco più di 2 giorni e ho dovuto concentrare tantissimo le cose che avrei voluto vedere: non sono stata capace di fare una cernita, non ho saputo limitarmi a poco perché davanti a tanta meraviglia le rinunce costano troppo sacrificio.
La prima giornata è iniziata ad ovest partendo da Volterra: un paese di cui, fino a pochi anni fa, ignoravo l’esistenza. Come in molte altre città e cittadine della Toscana, c’è un museo della tortura. Ho visto solo questo…e mi è bastato: è incredibile constatare quanto sia multiforme la crudeltà umana e a che livelli di perversione si sia potuti arrivare e si arrivi ancora. Dopo questa tappa da pugno nello stomaco mi sono rilassata perdendomi tra le stradine del centro piene di negozietti e ristorantini. Il prodotto locale è l’alabastro, si trovano vetrine piene dei più disparati oggetti realizzati in questo materiale. Qui ho fatto pranzo in un locale molto carino, una sorta di gastronomia con cucina. Se passate da queste parti merita una sosta.IMG_0003 IMG_0009 IMG_0013 IMG_0015 IMG_0041 IMG_0048 IMG_3740
Con la pancia piena ci siamo spostati verso San Gimignano, famosa per le sue torri. Qui il tour culinario ha previsto una tappa in una gelateria che ha vinto negli anni moltissimi premi. I gusti tra i quali si può scegliere sono tanti e anche strani, purtroppo la ressa e la fretta mi hanno fatto ripiegare su un banale nocciola e stracciatella; non sono un’esperta di gelati ma questo era proprio buono!
IMG_0059 IMG_0061 IMG_0065 IMG_0070 IMG_0074 IMG_0079 IMG_0096
La terza tappa è stata Monteriggioni, paesino delizioso e minuscolo, completamente circondato da mura sulle quali si può passeggiare e dominare il panorama. Qui ho trovato anche un aMicio.
IMG_0107 IMG_0127 IMG_0155 IMG_0162 IMG_0181 IMG_0148
A cena siamo stati in un locale poco lontano da Piazza del Campo e sono impazzita per i loro crostoni!
IMG_0357 IMG_0359 IMG_0368

IMG_0197Il secondo giorno è stato più impegnativo. La giornata è iniziata con una sosta breve a Buonconvento e da qui ci siamo diretti verso Montalcino, paese pieno – manco a dirlo – di enoteche. Qui l’aria sa di vino anche in mezzo alle case.
IMG_0226
Per pranzo ci siamo fermati a San Quirico d’Orcia in un ristorante che non mi è piaciuto per niente sebbene le recensioni su TripAdvisor non fossero malvagie. Il paese è carino ma non mi ha fatto innamorare.
Una cittadina di cui mi sono invece perdutamente innamorata è stata Pienza. Sarà stata la luce del pomeriggio, la cinta muraria che la circonda o l’atmosfera rilassata…mi è rimasta nel cuore.
IMG_0238 IMG_0250 IMG_0257 IMG_0259Bellissima è anche Montepulciano con la sua piazza Grande (è la piazza centrale della Volterra di Twilight) e le sue stradine in salita piene di negoziati bellissimi, peccato non aver avuto tempo per fermarmi.
IMG_0266 IMG_0267 IMG_0275 IMG_0282 IMG_0305Ci siamo goduti il tramonto davanti ad uno Spritz in un paesino microscopico bello come un quadro: Monticchiello.
IMG_0313 IMG_0320 IMG_0328 IMG_0339

L’ultimo giorno avevamo a disposizione solo la mattina e l’abbiamo dedicata ad una brevissima visita a Siena culminata in un ristorante pazzesco: avevamo provato a prenotare per le due cene precedenti ma non c’era mai posto. L’attesa è stata ripagata con un pranzo che definire perfetto è riduttivo. Se la cucina Toscana è squisita, qui si va ancora oltre.
IMG_0370 IMG_0375 IMG_0388 IMG_3779

Lasciare questa regione è sempre triste, mi regala ogni volta paesaggi mozzafiato e sorprese ad ogni angolo.

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

I miei indirizzi preferiti:
Volterra: Porgi l’altra pancia
San Gimignano: Gelateria Dondoli
Siena: Taverna di San Giuseppe

  • La Toscana credo che sia fra le mie regioni preferite. Per quanto ami la Sardegna, la Campania e il Trentino, credo che il centro dell’Italia (e in particolare la Toscana) possa regalare veramente tanto. Conosco bene i posti da te raccontati, abitando a Roma capita che ogni tanto ci faccia un “salto” per rilassarmi un pò!

    Monticchio è stupenda, così come Montepulciano e anche Monteriggioni!

    Un abbraccio

    LuluCuomo

    • mirtilliepois

      Che fortuna! io adoro questi posti ma per me da Torino la strada è un po’ lunga! :)
      a presto!