cara-chiara10 anni fa, più o meno a quest’ora, sono uscita per l’ultima volta dal portone della mia scuola come studentessa.
L’ultima della mia classe, l’ultima della scuola. Accanto a me c’erano le amiche, le stesse che in questi 10 anni mi hanno accompagnata in ogni altro momento importante e in ogni momento più stupido! :)
Mentre aspettavo di entrare nell’aula con i prof ero seduta sul tavolo dei bidelli a ripassare le ultime cose di fisica, materia che mi ha tormentata fino alla fine. Le mie amiche che erano già passate nei giorni precedenti avevano la testa in vacanza, io cercavo di concentrarmi e allo stesso tempo pensavo che quello sarebbe stato un momento di svolta, che uscendo da quell’aula, indipendentemente da come sarebbe andata, non sarei più stata la stessa persona.
Ero carica di adrenalina e piena di pensieri e aspettative.
Oggi, a distanza di 10 anni, vorrei andare da quella Chiara seduta sul quel banco e dirle un po’ di cose…

– stai tranquilla perché nessuno là dentro vuole sbranarti, saranno tutti carini e quella mezz’ora volerà
– ti senti adulta e non lo sei: tra 10 anni guarderai i 19enni e li vedrai bambini
– scegli il corso di laurea che ti piace di più e poi fegatene di tutti quelli che ti criticheranno, di tutti quelli che ti diranno che hai scelto una strada facile. È quello che ti piace fare e non sarà mai un peso!
– oppure scegli di fare medicina: non importa se dovrai passare altri 10 anni sui libri, puoi permetterti di avere tempo- non abbandonare il tedesco perché dopo tutto lo sforzo che hai fatto in questi anni potresti perderlo e arrancare tra 10 quasi come una principiante
– scegliti uno sport e praticalo, non lascirti andare pensando che avrai tempo per tornare in forma più avanti: conservati come sei perché sarà difficile tornare indietro
– non ti attaccare troppo alle cose che hai qui: fatti coraggio e fai l’Erasmus, lo sogni da sempre e potresti rimpiangere di non averlo fatto, a me è successo
– non avere fretta, non pensare di dover bruciare tutte le tappe perché a 30 anni dovrà essere tutto fatto e sarai vecchia: avrai tempo…o imparerai ad averne
– impara a stare da sola senza soffrire la solitudine, ti servirà molto da grande
– non aver paura di restare zitella, non ti accontentare! Hai 19 anni, porca miseria!
– fuori dal portone della scuola troverai 2 ragazzi che ti stanno aspettando: nessuno dei 2 è quello giusto per te
– ogni giorno quando torni a casa vai a salutare i tuoi nonni: passerai con loro molto meno tempo di quanto immagini, goditeli adesso
– in un modo o nell’altro deluderai sempre qualcuno, non cercare di essere perfetta perché non lo sei, cerca la TUA felicità e non ascoltare il giudizio degli altri, tanto prima o poi il castello di carta che ti sei costruità crollerà
– non puoi piacere a tutti, starai antipatica a molta gente: fattene una ragione e vivi serenamente
– abbi il coraggio di mollare tutto al primo segnale negativo, se senti che quello che stai facendo non è giusto per te, scappa!
– stai alla larga da chi ti fa soffrire, non smetterà di farlo mai
– non tagliarti i capelli perché ti mancheranno

– sappi che tra 10 anni, nonostante gli errori, le difficoltà e i fallimenti ti sentirai viva, forte e soddisfatta della persona che sei…anche se non tutti la penseranno così tu avrai imparato a farti scivolare addosso QUASI tutto. Andrà tutto bene.

Buona estate piccola Chiara! ♥

  • Sorrido nel pensare a quanto ci si senta grandi facendo l’esame di maturità. A come i liceali vedano adulti quelli dell’ultimo anno e di come quelli dell’ultimo anno si sentano adulti. Sorrido perchè li vorrei vedere a 27 anni, a ridere di loro stessi e delle loro convinzioni fanciullesche. Ma la vita, in fondo, non è bella anche per questo? :)
    Un abbraccio!