Quattro etti d’amore, grazie